4 cose che non sapevo di SVN

Ecco cosa ho scoperto di nuovo subversion (SVN):

Come creare un branch
svn cp trunk branches/nome_branch
Come riunire un branch nel trunk

prima di tutto entrare nella cartella del branch (cd branches/nome_branch), poi scopriamo la revisione alla quale è stato creato:

svn log --stop-on-copy

e segnamoci la revisione XXXX.

Spostiamoci nel trunk e uniamo:

svn merge -rXXXX:HEAD ../branches/nome_branch
Ignorare dei files

…in modo che SVN (e per esempio client come rapidSVN) non li tenga in considerazione:

svn propset svn:ignore nomefile .
Se abbiamo un conflitto al momento del commit
svn up

Caso 1: voglio tenere la versione nel repository ed ignorare le modifiche locali:

svn revert nomefile

Caso 2: ho una situazione più complessa e devo agire a mano:

Modificare il file che creava conflitto, unendo le modifiche e decidendo manualmente come comportarsi, ed eliminando i caratteri strani (es. >>>>>>>) che mette SVN, salvare, e:

svn resolved nomefile

Infine, in entrambi i casi:

svn ci -m "Effettuata la modifica"

5 commenti su “4 cose che non sapevo di SVN”

  1. e se vogliamo avere la certezza che stiamo lavorando nel branch piuttosto che su un tag o nel trunk, sempre meglio fare prima di tutto un bel “svn info” per la directory corrente o “svn info nomefile” per un singolo file.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

:o) :-D :-( ;-) :-P =-O 8-) :-/ O:-) :-! >:o C:-) :-(|) O-) :@ :-[ (B) (^) (P) (@) (O) (D) :-S ;-( (C) (&) :-$ (E) (~) :-* (I) (L) (8) (T) (G) (F) (*) (N) (Y) (U) (W)