Luminosità webcam Sony Vaio VPCEB3S1E con Skype su Ubuntu

Da quando ho questo PC ho riscontrato un fastidioso problema: la webcam utilizzata sotto Ubuntu Natty (non ricordo con le precedenti) è decisamente buia.

La soluzione per me è stata:

sudo apt-get install uvcdynctrl
uvcdynctrl -s "Exposure, Auto Priority" 1

Questo però è un fix temporaneo, quindi mi son creato uno script che esegue l’ultimo comando, in modo da sistemare la luminosità della webcam quando la utilizzo. Se dovessi trovare un fix definitivo aggiornerò questo articolo.

udevadm trigger is not premitted while udev is unconfigured.

Oggi sul serverino mi è apparso questo simpatico errore al riavvio:

udevadm trigger is not premitted while udev is unconfigured.

Di conseguenza l’hard disk non veniva nemmeno letto, e quindi addio boot.

Ho letto che potrebbe essere stato causato dalla incompleta installazione di qualche pacchetto (tipicamente qualche kernel) che non va ad eseguire update-initramfs, piantando così il sistema.

Ho quindi seguito la mia procedura per il ripristino del sistema, e una volta entrato con chroot ho dato questi comandi:

sudo dpkg --configure -a
sudo update-grub
sudo update-initramfs -u

Non so di preciso quale abbia fatto la magia, ma tanto nessuno di questi fa danni, quindi nessun problema a sperimentare.

Fatto sta che riavviando ecco il sistema funzionante! :-)

[Solved] Problema gestore alimentazione

Sul computer della mia ragazza si presentava da tempo un problema: all’avvio, al momento della scelta dell’utente da utilizzare, la grafica era schifosamente grigio-GTK1-style, ed appariva un popup con questo messaggio:

Problema di installazione. I valori predefiniti per la configurazione di gestione alimentazione gnome non sono stati installati correttamente. Contattare l’amministratore di sistema.

Dopo aver provato milioni di cose, ho scoperto leggendo nel file di log in /var/log/gdm/:0-greeter.log che in realtà non era assolutamente un problema nel gestione di alimentazione (gnome-power-manager), bensì un chiaro malfunzionamento di gconf (il demone che gestisce le configurazioni in Gnome) all’interno di gdm (ciò che avvia Gnome, diciamo la schermata di inserimento utente/password).

Per i posteri l’errore riscontrato in questo file di log era:

Errore di GConf: Contatto col server di configurazione non riuscito; tra le possibili cause la necessità di abilitare il supporto TCP/IP per ORBit o la presenza di un vecchio blocco NFS etc etc etc etc cazzate poco plausibili

Reinstallando però gconf2 e gconf2-common non risolvo niente, ma in un tentativo disperato riesco a risolvere il dannato problema con:

Ctrl + Alt + F1
(mi loggo con username e password)
sudo service gdm stop
sudo mv /var/lib/gdm /var/lib/gdm_back
sudo apt-get install --reinstall gdm
sudo service gdm start

ed ecco la schermata di login perfetta!!!

Una nota: tutto questo era successo in seguito ad un problema di spazio completamente esaurito, quindi evidentemente qualche file si era corrotto nel tentativo di scrittura senza spazio, ma questo procedimento ha corretto tutto quanto.

Far convivere aMule e aMule Adunanza

Siccome a casa mia ho una linea ADSL di Alice, ma nell’appartamento universitario abbiamo appena attivato una linea Fastweb, mi si è subito presentato il problema di avere installati sia aMule (per casa) e aMule Adunanza (per l’appartamento), senza però rinunciare ad uno o l’altro, o senza doverli reinstallare ( =-O ) ogni volta che faccio il cambio.

Fortunatamente ho trovato questo ragazzo italiano che ha messo a disposizione dei repository per aMule Adunanza opportunamente modificato per andare a leggere path differenti da quelli di aMule, riuscendo così a convivere con aMule standard. Leggete questa pagina per informazioni.

Un grazie a lui per il suo lavoro :-)

Pulsanti a sinistra in Ubuntu Lucid

Sconquassati dai pulsanti per chiudere/ridimensionare le finestre spostati a sinistra in Ubuntu Lucid?

Ecco un rapidissimo comando da sparare in un terminale per riportarli alla norma:

gconftool -t string -s /apps/metacity/general/button_layout "menu:minimize,maximize,close"

Se in un raptus di follia vorreste tornare a quelli a sinistra, ecco l’altro comando:

gconftool -t string -s /apps/metacity/general/button_layout "close,minimize,maximize:"

Abilitare Mi sento fortunato su Opera

Recentemente avevo spiegato come abilitare il Mi sento fortunato di Google su Chrome, ora vediamo lo stesso procedimento per Opera.

Andiamo su Strumenti => Preferenze, clicchiamo su Aggiungi, ed inseriamo le impostazioni come in figura:

Cliccare per ingrandire

Quella importante è l’indirizzo, dovete inserire:

http://www.google.com/search?sourceid=navclient&ie=UTF-8&q=%s&gfns=1

ed abilitare Usa come motore di ricerca predefinito.

Ora la ricerca è funzionante, ma c’è un problema: se inseriamo solo un termine nella barra della ricerca, Opera non va a chiedere a Google il risultato predefinito. Purtroppo a questo non pare esserci soluzione, aggiornerò il post in caso trovi qualcosa.

Convertire le emoticons da Pidgin a Emesene

Banana Joe!!!
Banana Joe!!!

Avete delle emoticons personalizzate in Pidgin ma volete provare emesene, mantenendo le vecchie emoticons costate ore di conversazioni con bimbiminkia?

Nessun problema!

Ho scritto uno script che automatizza questo compito. Scaricatelo eseguendo questo comando:

wget http://polpoinodroidi.com/download/plugins/emotes_pidgin2emesene.php
chmod +x emotes_pidgin2emesene.php

Poi installiamo questo pacchetto, necessario per il funzionamento:

sudo apt-get install php5-cli

Ed infine eseguiamo lo script!

./emotes_pidgin2emesene.php tuonome@live.it

sostituendo ovviamente il vostro contatto MSN al posto di tuonome@live.it.

Servire freddo. (D)

Recovery di un sistema che non si avvia

Se per caso vi capitasse di dover recuperare una distro che non si avvia, basta avviare il pc da un CD di installazione live, o ancora meglio da una chiavetta USB live (ancora più veloce), montare da qualche parte la partizione root del vostro hard disk e dare i seguenti comandi in un terminale:

sudo mount --bind /dev /percorso/dove/abbiamo/montato/la/nostra/root/dev
sudo mount --bind /proc /percorso/dove/abbiamo/montato/la/nostra/root/proc
sudo mount --bind /sys /percorso/dove/abbiamo/montato/la/nostra/root/sys
chroot /percorso/dove/abbiamo/montato/la/nostra/root

Poi eseguite ciò che vi serve di fare, come se foste dentro al vostro PC, tipicamente questa procedura serve per ripristinare un kernel oppure risolvere pesanti incasinamenti con le dipendenze dei pacchetti (a me è successo).

Altri problemini e risoluzioni per Ubuntu Jaunty

Alcuni altri problemini che mi si sono presentati su Ubuntu Jaunty.

Icona degli aggiornamenti mancante

A quanto pare è una cosa voluta!!! Leggo e traduco:

  • Quando ci sono aggiornamenti di sicurezza, il Gestore Aggiornamenti si aprirà e li mostrerà (oltre ad eventuali altri aggiornamenti disponibili) entro un giorno.
  • Quando ci sono aggiornamenti non di sicurezza, il Gestore Aggiornamenti si aprirà e li mostrerà una settimana dopo che è stato aperto l’ultima volta (sia nel caso in cui sia stato aperto manualmente che automaticamente, e a prescindere dal fatto che siano stati installati degli aggiornamenti, quella volta).
  • Quando non ci sono aggiornamenti disponibili, il Gestore Aggiornamenti non si aprirà automaticamente.

La soluzione per tornare al vecchio comportamento è dare in un terminale:

gconftool -s --type bool /apps/update-notifier/auto_launch false

Le nuove notifiche hanno un lampeggiamento in uscita (o in entrata)

Questo perché l’effetto dissolvimento è codato nel codice di libindicator, e quindi entra in conflitto con il relativo effetto di compiz.

Per risolvere, installare ccsm, avviarlo (Sistema -> Preferenze -> Gestore Configurazione CompizConfig), andare su Animazioni, Animazione di chiusura (poi ripetere i seguenti passi anche con Animazione di apertura), Andare sull’eventuale riga che cita Dissolvenza e il cui type comprenda Notification, modificare tale regola ed aggiungere alla fine questo:

& !(title=notify-osd)

Salvare e provare.